Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

EMBOLIZZAZIONE MAV DELL'UTERO: LA SOLUZIONE DIETRO L'ANGOLO

Oggi raccogliamo la testimonianza di Sara e della sua embolizzazione della mav uterina.

"voglio raccontare la mia esperienza e lo faccio estremamente volentieri anche perchè è una promessa che feci il giorno che andai in visita dal Dr Lupattelli, senza grandi speranze all'entrata, sono uscita invece con sensazioni positive e forse anche delle certezze. Avevo girato tanto, dalla mia Catania mi ero spostata fino a Milano per poi andare in Germania e passare poi per Roma e Napoli senza però mai trovare una risposta esauriente alle mie perplessità: posso veramente salvare l'utero da una malformazione che sembra così aggressiva e distruttiva?. Prendevano tutti tempo e soprattutto chiedevano di ripetere continuamente esami, tac, risonanze, chi l'ecografia , sembrava che la storia non finisse più. Alla fine per caso venni a sapere che Lupattelli visitava e operava anche a Catania proprio 5 minuti da casa mia. Andai in visita e capii che probabilmente questo medico aveva la tranquillità e l'esperienza necessaria per potermi salvare l'utero. Abbiamo eseguito l'embolizzazione a Bologna perchè il medico diceva che era la città dove si sentiva più sicuro per fare questo tipo di intervento e devo dire che già dopo la prima seduta il mio problema era completamente risolto. Anche il Dr Lupattelli sembrava abbastanza stupito perchè credeva che ci sarebbero volute più sedute, ma invece alla prima ecografia dopo 3 mesi la mav era già completamente sparita ed io posso dire che finalmente sono uscita da questo incubo dove mi si diceva di non poter uscire, di non poter avere sbalzi di pressione, di non poter far palestra, di non poter avere rapporti, di non poter correre, insomma non potevo fare più nulla. Grazie al Dr Lupattelli per avermi regalato di nuovo una vita. Non smetterò mai di ringraziarlo."